This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand

Cookie Policy

Under the measure of the italian Privacy Authority "Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie - 8 maggio 2014", please note the following:

The website www.iisgalilei.eu and its subdomains do not use profiling cookies, nor any personal user's data is purposely acquired by the website.

The website makes use of technical cookies. These are fundamental in order to maintain user's sessions, to guarantee connection confidentiality and to keep our platform safe. These cookie do not track any user personal data.

Analytics cookies are also used by the server. Anonymous statistical data are collected in order to improve website's functionality and feeling. These cookies are collected by third-party companies (Google Inc.).

Using the website implies accepting this policy. In case you would like to avoid cookies' tracking, leave the website and delete registered cookies on your web browser. Useful guides about it could be usually reached by pressing the "F1" key on the keyboard.

L'espressione "innovazione didattica" ha assunto negli anni diverse declinazioni, pur indicando sempre il rinnovamento dei modelli didattici. Oggi si fa riferimento sicuramente ad una didattica che si avvale delle nuove tecnologie per affrontare le sfide del presente, ma soprattutto punta a mettere gli studenti nelle condizioni di sviluppare le competenze per la vita. In questo paradigma, le tecnologie si pongono al servizio dell’attività scolastica, entrando in tutti gli ambienti della scuola ed in tutte le discipline. Ma, se l’innovazione didattica è certamente correlata al digitale e alle tecnologie, essa è anche ricerca, sperimentazione di nuove prassi educative, adozione di metodologie attive  e laboratoriali.

È  questo che il nostro Istituto punta a realizzare, e negli ultimi anni ha messo in atto una serie di progetti ed attività innovative che hanno avuto largo apprezzamento nella comunità scientifica e pedagogica sia nazionale che internazionele. Di seguito sono indicati alcuni dei progetti messi in atto e i lavori pubblicati e discussi in conferenze internazionali.

 

Progetti

MobileDev - Laboratorio di Sviluppo App
In collaborazione con la Libera Università di Bolzano, rappresenta un'attività di PCTO stimolante ed interattiva.

"Simulando un ambiente professionale, vengono fornite ai partecipanti le basi teoriche e l’esperienza pratica per creare applicazioni per dispositivi mobili (ad esempio, telefoni cellulari e tablet) con sistema operativo Android e iOS. MobileDev aiuta i partecipanti ad acquisire le necessarie capacità di pensiero analitico, imparando a: definire un problema, progettare un’applicazione per risolvere tale problema, coordinare le attività di un team distribuito, creare l’applicazione per dispositivi mobili." Info alla pagina ufficiale del progetto MobileDev.

DefibrillAPP - Sviluppo di App Socialmente Rilevanti
Direttamente collegato all'attività MobileDev è un modello didattici laboratoriale sviluppato in cinque fasi che mette in pratica il paradigma didattico del learning by doing e la didattica per problemi. Obiettivo finale del progetto è a realizzazione di una app "utile al cittadino" (scarica la presentazione).

Coding e Robotica per l'inclusione
In una recente lavoro pubblicato sulla rivista Form@re (2019), si conferma l'efficacia della didattica laboratoriale nello sviluppo cognitivo, l'interazione sociale e l'inclusione degli allievi e delle allieve nel contesto classe:

"Le scienze cognitive ci dicono che vi sono artefatti – oggetti, dispositivi, in questo caso ad esempio applicazioni software, robot, o altri – che svolgono una funzione di mediatori della cognizione umana: essi da un lato sono esito di una progettazione finalizzata ad una specifica attività, e dall’altro, una volta in uso, diventano agenti che modificano quella stessa attività. L’artefatto mette in relazione parti del nostro cervello, che diversamente non entrerebbero in risonanza e che invece possono costituirsi come pattern stabili: l’artefatto può guidare l’attività della mente, riorganizzare il rapporto del soggetto con l’ambiente e con gli altri" [scarica l'articolo completo].

In numerose altre pubblicazioni nazionali ed internazionali, si dimostra come l'applicazione del coding e della robotica educativa, affiancata alla didattica tradizionale, possa accelerare il processo di apprendimento e favorire l'interazione sociale e l'inclusione.  In questo progetto si propone l'applicazione del Coding e della Robotica Educativa per supportare l’interazione sociale e l’inclusione, da parte di allieve ed allievi con bisogni educativi speciali e/o disabilità. Il progetto, diretto a docenti di sostegno e collaboratori all'integrazione della nostra scuola, punta a fornire le competenze di base per una didattica laboratoriale mirata allo sviluppo cognitivo e l’inclusione.

 

Pubblicazioni

Anna Brancaccio, Luis Corral, Ilenia Fronza, Gennaro Iaccarino
Building Smart Apps for Smart Cities: un esempio di sinergia tra PCTO ed Educazione Civica, concluso ai tempi di COVID-19.
Proceedings of the Annual AICA Conference “DIDAMATICA 2020: Smarter School for Smart Cities”. 12-13 November 2020, Trieste (Italy). Abstract in Journal “Mondo Digitale”.
 

Ilenia Fronza, Luis Corral, Claus Pahl, Gennaro Iaccarino
Evaluating the Effectiveness of a Coding Camp through the Analysis of a Follow-up Project.
Proceedings of the 21st Annual ACM Conference on IT Education (SIGITE2020). University of Nebraska - Omaha's College. October 7-9, 2020.

Go to top