Alex ZanardiGli studenti della classe 2L del Liceo delle Scienze Applicate dell'Istituto G. Galilei di Bolzano, nel corso dell'anno scolastico da poco conclusosi, hanno elaborato e portato a termine con successo un progetto concernente la ricostruzione in scala di opere pubbliche per rappresentare la magnificenza dell'architettura antica.

Nello specifico, i ragazzi, particolarmente appassionati della Storia Romana, si sono cimentati nella costruzione di plastici utilizzando vari materiali tra cui balsa, cartoncino, poliplat, masonite e plexiglass. Sono stati progettati e costruiti in AutoCad: l'acquedotto, la basilica, il teatro, l'anfiteatro, la domus, l'insula, l'arco e il ponte.

"E' stata dura ma alla fine sono stati bravissimi", hanno esclamato le docenti di Storia e Disegno e Storia dell'Arte, professoresse Lonoce Maria Pompea e Perricone Cristina. "Non pensavamo di stare nei tempi prefissati. Il lavoro è stato impegnativo e meticoloso in considerazione, soprattutto, della programmazione didattica di fine anno. Studiare la Storia, attraverso l'applicazione pratica ci ha permesso di capire appieno la grandezza della civiltà romana, e ci rende fieri della nostra appartenenza storica e culturale a quella civiltà" - hanno commentato gli studenti.

A lavoro ultimato è seguita la presentazione dei modelli alle rispettive famiglie, al corpo docente nonché al dirigente, i quali hanno riconosciuto l'impegno dei ragazzi che, di fatto, hanno saputo adottare un metodo vincente per realizzare un modello di "Buona Scuola".

Fotoricordo